Alzheimer Legnano, Iniziative a sostegno dei malati di Alzheimer Legnano, Castellanza, Rescaldina, Cerro Maggiore, San Giorgio su Legnano, Canegrate, Parabiago, san Vittore Olona, Villa Cortese, Busto Garolfo, Dairago, Nerviano
Benvenuti nel sito della Fondazione Sant'Erasmo!
 
Alzheimer Legnano, Iniziative a sostegno dei malati di Alzheimer Legnano, Castellanza, Rescaldina, Cerro Maggiore, San Giorgio su Legnano, Canegrate, Parabiago, san Vittore Olona, Villa Cortese, Busto Garolfo, Dairago, Nerviano
 

 

 

INIZIATIVE DI SOSTEGNO DI PERSONE AFFETTE DA MALATTIA DI ALZHEIMER E DEI LORO FAMILIARI, IN COLLABORAZIONE CON REALTÀ DI VOLONTARIATO

Nel 2007 la Fondazione Sant’Erasmo ha aperto un nucleo residenziale protetto per malati di Alzheimer in fase avanzata della malattia, quando non è più possibile la loro permanenza presso l’abitazione.

Da questa esperienza, è iniziato un progressivo interessamento verso attività di sostegno alle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari, tra cui l’apertura dell’Ambulatorio di Neuro geriatria.

Nel 2011 avviene l’incontro con l’Associazione di volontariato A. per non dimenticare di Legnano, che sta cercando una sede e degli spazi che possano ospitare iniziative a favore di persone affette da malattia di Alzheimer e familiari. La Fondazione mette a disposizione un ufficio presso l’Ambulatorio e i propri saloni e per realizzare i cicli di incontri degli Alzheimer cafè.

Dal tentativo di aiutare lo sviluppo di tali iniziative nasce l’idea di presentare un progetto alla Fondazione Cariplo che vede unite la Fondazione, l’Associazione e che trova la sponsorizzazione della direzione generale dell’ASL e dell’Ufficio di piano di zona del distretto del legnanese.
Il progetto dal titolo “Progetto Geriatrico per l’Alzheimer nel territorio del Legnanese” ottiene il finanziamento della Fondazione CARIPLO e il cofinanziamento dell’Ufficio di Piano di Zona.

Il progetto è rivolto ai malati di Alzheimer ed ai loro familiari nella fase iniziale e moderata della malattia, a cui vengono offerte una serie di attività, occasioni di incontro sul territorio ed iniziative atte ad alleviare le difficoltà e la solitudine. Lo scopo è migliorare la loro qualità di vita e di continuare a vivere inseriti nel proprio ambito familiare e di territorio.
Per fare ciò il progetto si propone innanzitutto di mettere in rete i soggetti con competenze, finalità ed esperienze di sostegno dei malati di Alzheimer: le Aziende Ospedaliere, l’ASL, la rete dei medici di base, gli Enti territoriali, i soggetti del volontariato e del non profit; questo permette di raggiungere più tempestivamente le famiglie e di poter orientare rispetto ai servizi e agli aiuti esistenti. Raggiunti i malati, il progetto ne promuove con iniziative specifiche la cura e il sostegno anche mediante il mutuo aiuto, coinvolgendo professionalità di elevato livello e specializzazione, operatori ricchi di motivazione umana e professionale, mettendo così in condizione di favorire la permanenza nella famiglia e nel territorio.
Le attività proposte consistono in:

a. INCONTRI DI SENSIBILIZZAZIONE nei comuni del territorio del legnanese rivolti ai vari soggetti coinvolti (cittadinanza, medici di base, operatori dei servizi sociali, organizzazioni di volontariato, parrocchie ecc.);
b. realizzazione di SPORTELLI DI “PROSSIMITÀ” e ATTIVITÀ DI COUNSELING ed orientamento nella rete con precisi riferimenti locali e dove sia possibile entrare in contatto con i famigliari “accompagnandoli” nel creare un costante collegamento con le reti ed i servizi presenti sul territorio;
c. cicli di incontri di “ALZHEIMER CAFE’” e di GRUPPI DI MUTUO AIUTO tra familiari;
d. CORSI DI FORMAZIONE per familiari ed operatori (badanti, ausiliari, infermieri, medici) e per volontari (malattia, rete di servizi, problematiche di natura economica e giuridica ecc.).

Il progetto si svolge in un arco di tempo biennale, avviato nel mese di marzo 2013 si è concluso nel febbraio 2015.
Gli operatori coinvolti sono medici, psicologi, musico terapisti, arte terapisti e fisioterapisti, affiancati dalle volontarie dell’ associazione “A… per non dimenticare”. Ad ogni ciclo hanno partecipato circa 8-10 pazienti con i relativi famigliari (care-giver di riferimento) in fase lieve-moderata di malattia.

E’ attivo lo SPORTELLO ALZHEIMER DI PROSSIMITA’ per ricevere gratuitamente ATTIVITÀ DI COUNSELING e di orientamento nella rete di servizi di sostegno per la persona malata di Alzheimer e i familiari; lo sportello è stato aperto in corso Sempione 34 presso l’Ambulatorio della Fondazione Sant’Erasmo ed è gestito autonomamente dalle volontarie dell'Associazione "A... per non dimenticare".
Per informazioni e richiedere gratuitamente attività di counseling su appuntamento è possibile chiamare il telefono 0331 – 472939 dalle 15.00 alle 17.00 nei giorni di MARTEDI’ e di GIOVEDI’.

 

 
FONDAZIONE SANT’ERASMO
Ingresso visitatori: via Ferraris, 2 - 20025 LEGNANO (MI) - Tel. (0331) 472911 - Telefax. (0331) 472912
E-mail: segreteria@fondazionesanterasmo.it - ambulatorio@fondazionesanterasmo.it
PEC: fondazionesanterasmo@registerpec.it

Sede Legale: Corso Sempione, 34 – 20025 LEGNANO (MI)
P.IVA 09525200151 - C.F. 84001690159 - COD. REA 1734902 R. R. Persone Giuridiche progr. n. 1818

Privacy Policy e Cookie Policy
Modifica il consenso dei cookies

Geriatria Geriatra Legnano
Podologia Podologo Legnano
Dietologia Dietologo Legnano
Visita geriatrica Legnano
Alzheimer Legnano
RSA aperta Legnano
RSA Legnano
Ambulatorio Poliambulatorio Legnano
Patente Rinnovo Legnano
Casa di riposo Legnano

Accogliamo pazienti da tutti questi comuni limitrofi:
Castellanza, Rescaldina, Cerro Maggiore, San Giorgio su Legnano, Canegrate, Parabiago, san Vittore Olona, Villa Cortese, Busto Garolfo, Dairago, Nerviano.